Warning: A non-numeric value encountered in /home/shopgm94/orvietopertutti.it/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5760
Con questo ultimo documento, terminiamo la pubblicazione della serie dei dati che abbiamo cercato di elaborare per avere un quadro più corrispondente alla realtà della situazione economica del Centro Storico.
Il prospetto allegato è relativo al solo numero dei ticket emessi dai parcometri di superficie nel Centro Storico nei primi 8 mesi del 2017 e raffrontati con gli omologhi del 2016. Anche qui notiamo, come nel caso della tendenza dei ticket degli insilati, come delle presenze alberghiere, una generale tendenza al ribasso con una diminuzione di poco più di 19000 biglietti emessi.Abbiamo suddiviso il prospetto in due fasi distinte poiché siamo convinti che mentre i parcheggi di Piazza Cahen e Piazza d'Armi (per complessivi 264 stalli) sono in linea di massima tendenzialmente  utilizzati da utenti esterni (turisti), gli altri (per complessivi 254) sono occupati prevalentemente da residenti del centro storico e/o comprensorialiIn entrambi i casi, comunque, il dato di affluenza è costantemente negativo confermando il dato eclatante di scarsissimo impiego degli stalli di Piazza d'Armi per i quali, come più volte suggerito all'Amministrazione, non ultimo in un incontro di pochissimi giorni fa, di utilizzarli con mini abbonamenti per coloro che vengono ad Orvieto per lavoro, magari non continuativo nel corso dell'anno.
Nel ringraziare l'Ufficio Parcheggi per la fornitura dei dati richiesti, con questo prospetto chiudiamo questo mini ciclo di pubblicazione dei dati che, probabilmente non saranno perfetti nell'esposizione, ma rendono sicuramente una idea più chiara e tangibile delle situazione attuale, contrariamente ai proclami ed annunci di facciata visti negli ultimi tempi e rimandiamo a successivo post conclusivo circa il nostro commento generale.
Siamo convinti che quanto prodotto possa comunque esser uno spunto a valutazioni più approfondite della situazione da parte sia dei cittadini che degli operatori ma, essenzialmente, a coloro che hanno sulle spalle le sorti della città.